Martina Franca set d’eccezione della nuova serie Rai su Leopardi

586

Palazzo Ducale e centro storico set d’eccezione della miniserie su Giacomo Leopardi diretta da Sergio Rubini

Le sale nobili di Palazzo Ducale e alcune piazze e vie del centro storico saranno il set della miniserie “Giacomo Leopardi vita e amori del poeta” diretta dal noto regista, attore e sceneggiatore Sergio Rubini.

Il lavoro di allestimento del set è iniziato questa mattina – martedì 24 ottobre –  e le riprese inizieranno in questi giorni e si concluderanno il 10 novembre prossimo.

Sergio Rubini

La miniserie racconta in due puntate la vita del grande poeta attraverso le sue amicizie, le sue passioni, i suoi viaggi e le sue sfide. E’ prodotta dalla società IBC Movie srl – Bologna e da Rai Fiction ed è sostenuta da Apulia Film Commission. Andrà in onda su Rai 1. L’Amministrazione Comunale ha concesso il patrocinio.

Fra gli attori presenti nel cast Leonardo Maltese, nel ruolo di Giacomo Leopardi, Alessio Boni in quello del padre, Monaldo e Cristiano Caccamo

Nei mesi scorsi, lo stesso regista Rubini, location manager, troupe e tecnici della produzione hanno effettuato alcuni sopralluoghi per la scelta delle location.

Da oggi e fino a conclusione delle riprese le sale nobili non saranno accessibili al pubblico.

“E’ allo stesso tempo un onore e un piacere per noi poter ospitare il set della miniserie sulla vita di Giacomo Leopardi. Ringrazio il maestro Sergio Rubini e i suoi collaboratori di aver scelto Martina per ambientare alcune scene. E’ la prima volta che le meravigliose sale nobili di Palazzo Ducale diventano il set di un progetto televisivo di caratura nazionale così importante grazie al quale le bellezze artistiche e architettoniche della nostra città andranno sugli schermi di Rai 1 con un importante ritorno di immagine. La miniserie, dedicata ad una grande figura della letteratura italiana, sarà sicuramente avvincente e interessante considerando che il nostro conterraneo Sergio Rubini è un regista e attore fra i più apprezzati in Italia”. E’ il commento dell’Assessore alle Attività Culturali e allo Spettacolo Carlo Dilonardo.