FDI Martina F.: “Criticità Ospedale Martina F. restano inascoltate”

454

Comunicato stampa Gruppo Consiliare Fratelli d’Italia  MARTINA FRANCA

L’11 Novembre veniva notificata, a tutti i presidi ospedalieri, la delibera della Giunta Regionale n. 1748 che prevedeva, per il presidio ospedaliero di Martina Franca “Valle D’Itria”, la riconversione di 56 posti letto per pazienti covid.
Trasformazione che doveva avvenire entro e non oltre il 30/11/2020.
Il P:0: “Valle d’Itria”, nello specifico, non è adeguato strutturalmente e funzionalmente alle normative vigenti in quanto i percorsi non sono separati, con corridoi e ascensori in comune, diagnostica per immagini in comune, contiguità degli spazi de4dicati ai pazienti covid con i pazienti dializzati e degli ambulatori di ostetricia, oncologia, reumatologia, endoscopia ecc.; il progetto, inoltre, prevedeva l’allocazione proprio al centro del settore operatorio dei pazienti covid con il blocco di ogni attività operatoria; dell’utilizzo di dirigenti, medici di anestesia e rianimazione nei contesti covid con mancanza di pneumologi ed infettivologi (fondamentali per i pazienti covi).
Inoltre, la riconversione così come proposta con la perdita dei posti letto di medicina e cardiologia, incide negativamente sull’operatività del pronto soccorso.
I pazienti oncologici costretti a continuare le terapie presso altri presidi e per i qualisi era paventata l’ipotesi di una soluzione ambulatoriale, sicuramente non conforme alle esigenze degli stessi ammalati, ma ad oggi, dopo oltre 15 giorni, non si sa ancora nulla e i pazienti continuano a vagare per diversi P.O..
Lo stesso governatore Emiliano il 26 novembre dichiarava L’inadeguatezza dell’ospedale di Martina Franca ad ospitare reparti covid. Con un interrogazione urgente i consiglieri Pizzigallo e Marangi avevano chiesto chiarimenti da parte del Direttore ASL di Taranto in merito alle autorizzazioni rilasciate dagli enti preposti in ordine alla improvvisa riconversione.

Inoltre, lo stesso consigliere regionale Renato Perrini il 15 dicembre, con un’interrogazione anch’essa urgente, a Emiliano e Lopalco, chiedeva se la giunta regionale fosse a conoscenza di tutte le criticità del P.O. Valle d’itria di Martina e quali fossero le iniziative che intendessero porre in essere con urgenza al fine di fronteggiare l’emergenza sanitaria nella provincia di Taranto garantendo la continuità nelle cure di altre patologie altrettanto gravi che non vanno sottovalutate.
Siamo al 19 Dicembre, ma nulla è cambiato e nulla si sa.
Un ospedale oramai inesistente, completamente inoperativo perchè la promisquità di reparti covid e no covid, blocca di fatto qualsiasi possibilità di intervento su tutte le altre patologie.
Un ospedale di frontiera come quello di Martina Franca non può essere assolutamente defraudato della sua naturale destinazione: assistenza sanitaria, ricovero e cura dei pazienti con differenti patologie e necessità.
Martina Franca, 19/12/2020

GRAZIA LILLO Coordinatrice cittadina FDI

GIULIETTA MARANGI Consigliere comunale FDI

ELIGIO PIZZIGALLO Consigliere comunale FDI